2019 1^ Biennale di grafica “Casa di Dante” (Firenze)

30 novembre 2019: inaugurazione della mostra collettiva alle h 17.00 circa, in via Santa Margherita 1/R a Firenze (ingresso libero).

Durata mostra: dal 30/11 al 12/12; orari: tutti i giorni (esclusi i lunedì) h 10-12 e 16-19; solo giovedì e domenica pomeriggio: h 15-18.

23 ottobre 2019: pubblicazione dei vincitori e dei finalisti (nella sezione “Grafica” 2° premio ex aequo a Bernardo Bandinelli)

L’UOMO E LA MACCHINA

A 500 anni dalla morte di Leonardo Da Vinci, prendendo spunto dalla versatilità di questo genio assoluto, la Società di Belle Arti – “Casa di Dante” di Firenze ha deciso di promuovere una Biennale di Grafica sulla tematica “L’uomo e la macchina”.

Ciascun partecipante, con proprie modalità e pensiero, si addentrerà nei molteplici aspetti che l’argomento sollecita oggi, esplorando temi e ideando in modo pluridisciplinare personali soluzioni iconiche.

Leonardo da Vinci ha saputo regalarci soluzioni impensabili per la sua epoca ma che oggi sono diventate la base di partenza per muovere idee e progetti che hanno rivoluzionato il nostro modo di vivere e, proprio queste peculiarità, potranno essere il substrato per la sperimentazione e ideazione delle opere da presentare.

Il rapporto uomo – macchina può essere preso in considerazione da vari punti di vista: come estensione e potenziamento del corpo umano nello svolgere attività particolarmente complesse e faticose, come accrescimento delle possibilità comunicative, di spostamento, di metodi progettuali, di ricerca scientifica e di tante altre operatività.

La macchina ha innegabilmente comportato tanti vantaggi e facilitazioni nella vita quotidiana dell’umanità ma fino dai suoi primi sviluppi tecnologici ha fatto emergere aspetti in certi casi alienanti, in altri pericolosi, per arrivare – con l’impiego militare – al preoccupante accrescimento di possibilità distruttive.

Starà quindi a chi aderisce scegliere in piena libertà espressiva, tramite il linguaggio grafico declinabile in ognuna delle categorie previste, quale aspetto di questo complesso rapporto uomo – macchina mettere in risalto nel lavoro con cui intende partecipare.

CIRCOLO DEGLI ARTISTI “CASA DI DANTE”

La Società delle Belle Arti “Casa di Dante” costituisce un fondamentale punto d’incontro e di scambio culturale vivo e vissuto da parte degli artisti e si pone come obiettivo di mantenere integri i valori dell’arte attraverso un’intensa attività espositiva e culturale.

La bicicletta sta tornando agli onori che merita, dopo antica gloria: Greta Thunberg urla ai potenti (che la ignorano) che un ambiente violato da attività umane troppo inquinanti hanno rubato per sempre, a lei e alla sua generazione, un mondo pulito.

Quando inizieremo a parlare meno e pedalare di più?

“Opera dal forte taglio fotografico, questa realizzata a carboncino e gessetti colorati da Bernardo Bandinelli rappresenta un ciclista ritratto nel momento del passaggio attraverso ciò che sembra l’androne di un palazzo.
Non a caso ho utilizzato il termine passaggio a rappresentazione di quest’opera di Bandinelli, perché il significato che personalmente attribuisco a questo personaggio è quello di “ombra” percepita in un momento di “passaggio”.
Ecco allora comparire l’elemento universale che appartiene all’opera e da essa traspare: siamo tutti uguali di fronte ad un tempo che passa, che trascorre, trascolorando in evanescenze.
Il ciclista è ben delineato, ottimamente percepibile, ma al tempo stesso ci appare come un’ombra, interamente nero, diventando così elemento universalmente accostabile a ognuno di noi.
Noi che, a bordo della bicicletta dell’esistenza, saliamo e scendiamo gradini con l’eco dei nostri passaggi ad inseguirci ovunque andiamo.
L’opera di Bandinelli sembra risuonare di quei nostri stessi passi, delle voci che filtrano da sotto le porte degli appartamenti che si affacciano sulle scale, chiusi ognuno nel nostro silenzio interiore, eppure provvidi creatori di tanti (spesso troppi) discorsi, ma pur sempre soli di fronte alla strada che ci apprestiamo a percorrere.
” Contributo critico di Michele Govoni, del Club “Amici dell’arte” di Ferrara

7 pensieri su “2019 1^ Biennale di grafica “Casa di Dante” (Firenze)

  1. Sia la tecnica scelta che il tratto del disegno dimostrano l’abilità artistica e ne fanno un quadro davvero piacevole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *